IMU - acconto 2013

 

 


 

 

L’art. 13 del D.L. 6/12/2011 N. 201, convertito in Legge 22/12/2011 n. 214 modificata con Legge 44/2012, ha istituito a decorrere dall’anno di imposta 2012 l’Imposta Municipale Propria (IMU) che sostituisce, per la componente immobiliare, l’imposta sul reddito delle persone fisiche e le relative addizionali dovute in relazione ai redditi fondiari relativi ai beni non locati e l’imposta Comunale sugli Immobili (ICI).

 

L'Acconto 2013 scade il 17.6.2013, è eseguito sulla base delle aliquote e delle detrazioni IMU 2012  approvate con atto Consiglio Comunale n. 25 del 31.5.2012; il versamento della seconda rata sarà eseguito a saldo dell'imposta dovuta per l'intero anno 2013, con conguaglio sulla prima rata versata in acconto e in base alle aliquote e detrazioni 2013, in corso di approvazione.

 

Aliquote 2012

OGGETTO

ALIQUOTE

Aliquota Base

0,76%

Aliquota abitazione principale e relativa pertinenza

0,4%

Aliquota fabbricati rurali ad uso strumentale di cui all’art. 9 comma 3 bis, del D.L. 557 convertito in L. n. 133/1994

0,2%

 

 

Novità 2013: E’ SOSPESO IL VERSAMENTO IN ACCONTO PER LE AB. PRINCIPALI, E RELATIVE PERTINENZE (sono escluse dalla sospensione le cat. A1-A8-A9), PER LE UNITA’ IMM. DELLE COOPERATIVE EDILIZIE A PROPR. INDIVISA ADIBITE AD AB. PRINC. DEI SOCI ASSEGNATARI, PER I TERRENI AGRICOLI E PER I   FABBR. RURALI. (Per la quantificazione delle pertinenze si rimanda al punto specifico).

Entro il 31 agosto dovrà essere adottata riforma della tassazione sugli immobili; in caso di mancata adozione, si applica la disciplina vigente ed il termine di versamento è fissato al 16 settembre.

 

Chi la paga?

 

Ø        L’Imposta Municipale Propria è dovuta su tutti gli immobili, abitazione principale e relative pertinenze comprese, ed aree edificabili posseduti a titolo di proprietà o altro diritto reale (usufrutto, uso abitazione, enfiteusi, superficie).

Ø        Per gli immobili concessi in locazione finanziaria (Leasing), soggetto passivo è il locatario a decorrere dalla data della stipula e per tutta la durata del contratto.

Ø        Nel Comune di Vicopisano sono esenti i terreni agricoli oltre a tutte le altre esenzioni stabilite per legge.

Ø        La base imponibile è ridotta del 50%:

Ø      per i fabbricati di interesse storico o artistico di cui all’art. 10 D.Lgs.42/2004;

Ø      per i fabbricati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati, limitatamente al periodo dell’anno durante il quale sussistono dette condizioni e su richiesta del contribuente. L’inagibilità o l’inabitabilità deve consistere in un degrado fisico sopravvenuto  non superabile con interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria (Art. 10 – comma 1 – Regolamento IMU)

Ø    Con le modifiche introdotte dal D.L. 16/2012, in caso di separazione o divorzio, è tenuto al pagamento il coniuge assegnatario dell’abitazione indipendentemente dall’effettivo possesso dell’immobile e per la durata dell’assegnazione.

 

Abitazione principale

 

Ø        E’ considerata abitazione principale quella nella quale il soggetto passivo ed il suo nucleo familiare dimora abitualmente e vi è residente anagraficamente.

Ø        E’ assimilata all’abitazione principale l'unità immobiliare posseduta, a titolo di proprietà o di usufrutto, da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata.

Ø        E’ assimilata, altresì, all’abitazione principale l'unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato a titolo di proprietà o di usufrutto nel territorio comunale, a condizione che la stessa non risulti locata.

Ø        Le agevolazioni per l’abitazione principale e per le relative pertinenze in relazione al nucleo familiare si applicano per un solo immobile, anche nel caso in cui i componenti del nucleo abbiano stabilito in domicili diversi la propria dimora e la propria residenza.

 

Detrazioni

 

Ø        La detrazione per l’abitazione principale e relative pertinenze è pari ad euro 200,00. Detta detrazione, per gli anni 2012 e 2013, è maggiorata di euro 50 per ciascun figlio di età non superiore a 26 anni, purché dimorante e residente anagraficamente nell’abitazione principale dei genitori. L’importo complessivo della maggiorazione, al netto della detrazione di base, non po’ superare l’importo massimo di euro 400.

Tale detrazione, fino alla concorrenza dell’imposta dovuta, è rapportata al periodo dell’anno durante il quale si protrae la destinazione ad abitazione principale; se l’unità immobiliare è adibita ad  abitazione principale da più soggetti passivi, la detrazione spetta a ciascuno di essi proporzionalmente alla quota per la quale la destinazione medesima si verifica.

 

Pertinenze

 

Ø        Si potranno considerare pertinenze dell’abitazione principale e pertanto assoggettati alla medesima aliquota, gli immobili iscritti in catasto in categoria C/2, C/6 e C/7 nella misura massima di una unità pertinenziale per ciascuna delle suddette categorie, anche se iscritte in catasto unitamente all’unità di uso abitativo. Es. 2 pertinenze stessa categoria: su una opera la sospensione sull'altra no e per questa andrà versato regolarmente l'acconto.

 

Base imponibile

 

Ø        Per i fabbricati iscritti in catasto, il valore è costituito da quello ottenuto applicando all’ammontare delle rendite risultanti in catasto, vigenti al primo gennaio dell’anno di imposta, rivalutate del 5% ai sensi dell’art. 3 – comma 48 – Legge 662/96, i seguenti moltiplicatori:

 

Moltiplicatore

 

 

 

Categorie di immobili

160

Per i fabbricati classificati nel gruppo catastale A e nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, con esclusione della categoria catastale A/10

140

Per i fabbricati classificati nel gruppo catastale B e nelle categorie catastali C/3, C/4 e C/5

80

Per i fabbricati classificati nel gruppo catastale A/10

80

Per i fabbricati classificati nel gruppo catastale D/5

65

Per i fabbricati classificati nel gruppo catastale D escluso i fabbricati classificati nella categoria D/5

55

Per i fabbricati classificati nella categoria catastale C/1

 

Modalità di pagamento

 

PAGAMENTO Potrà essere effettuato utilizzando esclusivamente il MOD. F24 da versarsi:

Ø       - Presso gli Uffici Postali;

Ø       - Presso gli sportelli Bancari;

Ø       - Presso la Tesoreria Comunale: Banca di Credito Cooperativo di Fornacette;

Ø       - On-line, per i soggetti titolari di conto corrente postale (addebito diretto);

Ø       Non devono essere effettuati i versamenti di importo inferiore a € 5,00.

Il codice catastale del Comune di Vicopisano da utilizzare per il pagamento è: L850. I codici tributo da inserire nel F24 sono i seguenti:

 

Codici Tributo

Comune

Stato

Abitazione Principale + pertinenze

3912

==

Fabbricati Rurali Uso strumentale

3913

==

Aree edificabili

3916

==

Altri fabbricati

3918

==

Fabbricati Cat. D

---

3925

Interessi da accertamento

3923

==

Sanzioni da accertamento

3924

==

 

Dichiarazione

Ø        Per le variazioni intervenute durante l'anno 2012, andrà presentata la dichiarazione IMU entro il 30.6.2013.

 

 
 
CONTATTI

Balducci Antonella
Ufficio Tributi
Tel. 050 79.65.19 / 79.65.18 / 79.65.30
Fax 050 79.65.40
balducci@comune.vicopisano.pi.it